La Storia

Se attraverso questi colori hai “sentito” il profumo della vita
il tuo pensiero diventa una preghiera infinita.

Mamma

Bellissimo dipinto di Giuseppe, realizzato all'età di 9 anni

Con lo scopo di ricordare la memoria di nostro figlio Giuseppe, scomparso prematuramente all’età di 17 anni, studente del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Gaeta, da sempre amante di arti figurative quali pittura e musica e pittore egli stesso, abbiamo istituito, con il Patrocinio del Comune di Formia, un concorso, a cadenza annuale, di arti figurative rivolto agli alunni di scuola media inferiore di tutti gli istituti comprensivi facenti parte del Distretto 49 (area Sud Pontino).

Il coinvolgimento all’esperienza dell’arte è un elemento fondamentale per la socializzazione e la formazione dei giovani, che le istituzioni locali devono incentivare sempre di più, ed è per tale motivo che l’Amministrazione Comunale di Formia – Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione – ha ritenuto opportuno sostenere tale importante iniziativa.

Eugenia e Franco Fargiorgio

L’idea del sito Internet è nata qualche anno fa, quasi contemporaneamente all’affermazione del Premio Giuseppe Fargiorgio, che ogni anno vede sempre più interesse da parte dei ragazzi e dei loro insegnanti, in un circolo virtuoso che tende a stimolare la creatività dei giovani.
Lo scopo di queste pagine è dunque fornire utili informazioni sulle iniziative promosse dalla Famiglia Fargiorgio, in memoria del caro Giuseppe.

Contemporaneamente sarà dato ampio spazio al fervore artistico che ha contraddistinto l’infanzia di Giuseppe, ogni giorno della sua vita, al fine di rendere omaggio al suo precoce estro.

Il mio pensiero e il mio personale ringraziamento vanno a PaoloEugenia e Franco, quali mirabile esempio di umanità e generosità. Con affetto.

Mario Esposito

4 pensieri su “La Storia”

  1. Concordo pienamente, è il modo migliore per ricordare e rappresentare Giuseppe. In fondo l'Arte è un mare e può lavar via le ferite, è un mare che porta a quell'isola di sensibilità che era l'animo di Giuseppe. Siete pronti a salpare?

  2. Ti ricordo con affetto caro Giò…che tutti i bambini possano vivere la nostra stessa infanzia e provare la sana amicizia che ci ha unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *